CRT - Centro Ricerche Teatrali - teatro educazione - Scuola civica di
Home | Libri - Educazione alla Teatralità | Eventi e info | link
Università | UILT | Comune | Contatti  | Seguici su Seguici su facebook
CRT "Teatro-Educazione"
Chi siamo
Cosa facciamo
La filosofia del CRT "Teatro-Educazione"
Contatti
Informativa sulla Privacy

La Scuola
Premessa
Primo Studio
CORSO di FORMAZIONE in
Educazione alla Teatralità
Secondo Studio
L’ARTE DELL'ATTORE e i linguaggi della comunicazione teatrale.
CORSO ESTIVO
“Metodologie innovative attraverso le Arti Espressive”
Modulo iscrizione

Ricerca
Le Aree
Teatro e Scuola
Teatro e Territorio
Teatro e Diversità
ISTITUTO di RICERCA
L'arte dell'attore e i linguaggi della comunicazione teatrale.
L'Arte come veicolo: un concetto filosofico
Centro di ricerche e documentazione CRT
Sono aperte le iscrizioni al Master "Azioni e interazioni pedagogiche attraverso la narrazione e l'educazione alla teatralità"-Università Cattolica di Milano- --- Sono aperte le iscrizioni - anno scolastico 2018-2019 "Primo Studio" ---
Libri - Educazione alla Teatralità >

[Indietro]

Titolo

Descrizione
Oggi siamo abituati a considerare il teatro come la fusione di diversi aspetti: il testo, la regia e la recitazione. In realtà, quanto adesso ci appare scontato, è frutto di una radicale trasformazione che maturò in Italia alla fine dell'Ottocento (per la precisione tra il 1860 e il 1890). Come mostra Gaetano Oliva in questo libro, infatti, prima era l'attore a dominare: si costruiva le parti, si organizzava la regia e spesso modificava come meglio credeva il testo in modo da poter primeggiare. Era molto comune che i testi di Shakespeare o Ibsen o Cechov venissero tagliati e riassemblati in funzione delle esigenze dell'attore. Fu solo nella seconda metà del XIX secolo che cominciò a delinearsi la nuova figura del drammaturgo professionista, che non era al servizio stabile di una compagnia, né voleva scrivere per attori o per capocomici, ma intendeva produrre testi originali. Il tramonto del Grande Attore lasciò lo spazio alla nascita di una nuova figura: quella del regista. Questi era l'esperto addetto alla supervisione generale dell'opera ed era colui che acquisiva il compito di interpretare l'idea dell'autore, ponendosi come intermediario tra il testo e l'attore.

Autore
Gaetano Oliva

Editore
UTET

Edizione

Categoria: Testi Teorici

www.utetuniversita.it




Tutti i diritti riservati © CRT 2004
per informazioni info@crteducazione.it
Segreteria - tel. 0331.616550

Area Riservata