CRT - Centro Ricerche Teatrali - teatro educazione - Scuola civica di
Home | Libri - Educazione alla Teatralità | Eventi e info | link
Università | UILT | Comune | Contatti  | Seguici su Seguici su facebook
CRT "Teatro-Educazione"
Chi siamo
Cosa facciamo
La filosofia del CRT "Teatro-Educazione"
Contatti

La Scuola
Premessa
Primo Studio
CORSO di FORMAZIONE in
Educazione alla Teatralità
Secondo Studio
L’ARTE DELL'ATTORE e i linguaggi della comunicazione teatrale.
Terzo Studio
LA PERFORMANCE
Il montaggio e la messinscena della performance.
Modulo iscrizione

Ricerca
Le Aree
Teatro e Scuola
Teatro e Territorio
Teatro e Diversità
ISTITUTO di RICERCA
L'arte dell'attore e i linguaggi della comunicazione teatrale.
L'Arte come veicolo: un concetto filosofico
Centro di ricerche e documentazione CRT
Sono aperte le iscrizioni - anno scolastico 2017-2018 "Primo Studio" ---
Percorsi Formativi > Secondo Studio
L’ARTE DELL'ATTORE e i linguaggi della comunicazione teatrale.

SECONDO STUDIO Luigi Riccoboni”

Corso di Perfezionamento sull'arte dell'attore



Premessa


Fino alla seconda metà dell’Ottocento, il personaggio teatrale, modernamente inteso, è esistito quasi soltanto nelle teorie dei riformatori, nelle esperienze di qualche isolato sperimentatore e soprattutto nell’immaginazione di lettori e spettatori; ma non nella prassi del teatro materiale. Su questo piano, esso compare e si afferma non prima della seconda metà del XIX secolo, sostanzialmente grazie all’avvento della regia. Ciò vuol dire che, se assegniamo al Novecento teatrale delle dimensioni più ampie di quello cronologico, facendolo iniziare con la rottura del Naturalismo e i primi esperimenti registici, il teatro del personaggio diventa un’acquisizione del nuovo secolo piuttosto che un’eredità del vecchio: diventa cioè il tentativo, di superare definitivamente il teatro ottocentesco del Grande Attore (come teatro delle parti e dei ruoli). Ma perché il personaggio, per affermarsi come fulcro del lavoro teatrale, ha dovuto aspettare l’avvento della regia? La risposta è semplice (anche se spesso si è fatta molta confusione al riguardo): perché soltanto con l’avvento e la diffusione della regia, intesa naturalmente quale principio ordinatore della messa in scena, il teatro materiale arriva ad assumere in maniera generalizzata il testo drammatico come unità di misura e come fondamentale fattore di orientamento del processo creativo (il testo drammatico globalmente e unitariamente inteso, in quanto tale: opera creativa provvista di una sua inconfondibile fisionomia individuale e una sua irrinunciabile integrità materiale) e quindi arriva a trasformare le “parti” in personaggi veri e propri, cioè in entità biografiche fittizie, immaginarie, abitanti il mondo possibile della fabula drammatica ma provviste, esattamente come gli individui del mondo reale. di vita passata e presente e di ben precise caratteristiche fisiche e psicologiche, che tuttavia è il testo (con i suoi sottotesti) e soltanto il testo a indicare o almeno a suggerire (in precedenza invece, la “parte”, più e oltre che alla singola, specifica opera, faceva riferimento al ruolo, come sistema di definizione e classificazione delle dramatis personae antecedente al testo e indipendente da esso). Ulteriore conseguenza: il rapporto teatrale attore-personaggio è fin dalla nascita, nella seconda metà dell’Ottocento, un rapporto difficile, problematico, costitutivamente esposto a rotture e squilibri, continuamente minacciato da opposte soluzioni radicali che rischiano di dissolverlo, eliminando uno dei due termini.


Destinatari

Il corso è rivolto a Educatori ala Teatralità in possesso di: Diploma di Scuola Civica CRT “Teatro-Educazione” di Primo Studio; Corso di Perfezionamento in “Educazione alla Teatralità” Facoltà di Scienze della Formazione, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Master universitario di primo livello "Creatività e crescita personale attraverso la teatralità, Facoltà di Scienze della Formazione e Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Master universitario di primo livello "Azioni e Interazioni Pedagogiche attraverso la Narrazione e l'Educazione alla Teatralità", Facoltà di Scienze della Formazione, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.


Le attività e le modalità organizzative del Secondo Studio vengono definite e concordate in relazione alle esigenze del gruppo degli allievi frequentanti.


Finalità

Gli educatori alla teatralità che hanno acquisito una buona consapevolezza di sé, hanno necessità di prendere in esame in maniera  diretta la relazione con l’altro da sé; tale studio porta a migliorare la capacità di comunicazione-azione incrementando la propria flessibilità. l percorso teatrale sullo studio del personaggio permette di raggiungere tale finalità. Esso infatti, sviluppando l’osservazione, la mimesi fisica e lo spostamento del punto di vista mette in discussione la propria personalità arricchendola. Si favorisce così la capacità di relazione, l’ampliamento della disponibilità all’incontro con l’altro.

Nel Secondo Studio quindi prosegue il processo di sviluppo della creatività e consapevolezza espressiva iniziato nel Primo Studio, stimolando la comunicazione simbolica, l’attenzione e la concentrazione attraverso l’acquisizione di tecniche e metodi specifici.

Il corso si propone di arricchire il curriculum formativo riguardante conoscenze teoriche e abilità operative per quanto concerne il teatro in ambito educativo.

Il corso, attraverso la sperimentazione sullo Studio del Personaggio, intende contribuire a sviluppare la personalità artistica e creativa dei partecipanti all'interno del pensiero filosofico de l'Arte come veicolo.


Metodologia

Il progetto si propone di utilizzare metodi didattici che consentano:

- l’apprendimento delle conoscenze teoriche relative allo studio del personaggio teatrale nei vari modelli;

- lo sviluppo delle capacità espressive attraverso l’osservazione, la rappresentazione fisica e l’analisi psicologica-emotiva;

- l’approfondimento dell’utilizzo espressivo dei linguaggi verbale, non verbale, della scrittura e dello spazio;

- la scoperta e la gestione di nuove dinamiche espressive che favoriscono la relazione, la collaborazione e la comunicazione;

- la trasformazione di stimoli visivi e letterari in idee per la realizzazione scenica;

- la sperimentazione e la verifica negli aspetti concreti delle proprie capacità metodologiche e tecniche dell’“Educazione alla Teatralità” contestualizzandole.

A tale scopo il corso si articola in:

1.Lezioni teorico-pratiche;

2.Esperienze guidate;

3.Esercitazioni riguardanti: la scrittura drammaturgica, realizzazioni di azioni sceniche e animazione ludica;

4.Visualizzazione e analisi di spettacoli e prove.

5. tirocini in ambito scolastico e socio-educativo.


Programma

In relazione alle caratteristiche, ai bisogni e alle richieste dei partecipanti la durata ed il relativo approfondimento dei vari moduli saranno tra loro diversificati; alcuni moduli potranno essere sostituiti dall’ampliamento di altri.

Modulo 1: Lo sviluppo delle azioni fisiche.

- La comunicazione teatrale: l'azione scenica;

- Improvvisazione singola e collettiva con e senza musica;

- Composizione di sequenze in gruppo;

- Utilizzo dello spazio in ogni dimensione.

Modulo 2: Analisi dei modelli per lo studio del personaggio

- La ricerca di tipologie, caratterizzazione, costruzione;

- La Commedia dell’Arte;

- Il lavoro dell’attore sul personaggio: Stanislavskij;

- L’analisi delle principali avanguardie teatrali: Mejerchol’d, Grotowski, Barba, Brook.

Modulo 3: Lo studio del personaggio con il metodo della Commedia dell’Improvviso

- La Commedia dell’Improvviso, aspetti teorici ed esercitazioni pratiche;

- la Scuola italiana e la Scuola francese;

- I ‘tipi’ della Commedia dell’Arte;

- Il corpo, il gesto, il movimento nella Commedia dell’Arte: analisi teorica e tirocinio pratico;

- La voce nella Commedia dell’Arte: analisi teorica e tirocinio pratico.

Modulo 4: Lo Studio del Personaggio

- L'Arte dell'Attore nel Secondo Ottocento: il carattere del personaggio;

- Lo studio del personaggio nel Sistema di Stanislavskij;

- L’impatto con il personaggio;

- L’analisi delle caratteristiche del personaggio;

- La creazione e animazione delle circostanze esteriori;

- La creazione e animazione delle circostanze interiori;

- La partitura del personaggio;

- L’inconscio dell’attore e il personaggio;

- L’improvvisazione come metodologia dello studio del personaggio.

Modulo 5: La drammaturgia dell’attore nelle avanguardie teatrali

- Il teatro povero;

- Lo studio del sottotesto;

- Le azioni fisiche: l’impulso;

- Le azioni realistiche nella vita quotidiana;

- Il training diventa performance.

Modulo 6: L'Arte come veicolo e l'Educazione alla Teatralità: l'Io-Personaggio

- La situazione relazionale;

- Il rapporto con l’altro;

- Lo Studio del Personaggio e il processo di sviluppo dell’identità personale;

- L’io dell’attore e l’io del personaggio.

Modulo 7: La parola dell’autore, la parola dell’attore: la drammaturgia

- Il testo drammaturgico: elementi, storia, evoluzione;

- La relazione attore-testo;

- Il sistema dei personaggi: parole e pensieri;

- La situazione comunicativa;

- Le regole del dialogare;

- La drammaturgia contemporanea: dall'autore all'attore-autore.


PROVA FINALE

Al termine del percorso è prevista l’ideazione e la realizzazione di un Progetto Creativo performance finale, esito visibile del percorso affrontato da ciascun allievo.

Il corso prevede la frequenza obbligatoria.

Ai partecipanti che avranno superato l’esame finale sarà rilasciato un certificato di perfezionamento di “SECONDO STUDIO – La relazione ovvero lo Studio del Personaggio” firmato dal Direttore del Corso, dal Legale Rappresentante del CRT “Teatro-Educazione” e dal Sindaco di Fagnano Olona (VA).


Organizzazione e calendario

Le lezioni si svolgono due sabati pomeriggio al mese dalle ore 14.30 alle ore 18.30 da gennaio e giugno.

In accordo con il gruppo dei partecipanti potranno essere organizzate giornate di approfondimento.

È prevista la partecipazione a convegni nazionali e internazionali di Educazione alla Teatralità. I convegni sono organizzati dal CRT Teatro-Educazione EdArtEs in collaborazione con il Master “Azioni e Interazioni pedagogiche attraverso la Narrazione e l’Educazione alla Teatralità” Facoltà di Scienze della Formazione, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Tra le attività sono previste esperienze laboratoriali con esperti internazionali del settore.


Date di svolgimento dell’attività

Il calendario delle lezioni verrà concordato con il gruppo.


Durata complessiva di svolgimento dell'attività:

Il Secondo Studio ha durata semestrale e comprende attività per un totale di 150 ore.

Le attività previste sono così distribuite:

50 ore di lezioni teorico pratiche (in presenza);

50 ore di lavoro individuale (studio/rielaborazione personale);

50 ore prova finale: ideazione e realizzazione del Progetto Creativo finale.


MODALITÀ DI ISCRIZIONE

È possibile scaricare il modulo di iscrizione dal sito (www.crteducazione.it) e inviarlo alla sede  della segreteria tramite e-mail info@crteducazione.it , posta (CRT “Teatro-Educazione - P.zza Cavour 9 - 21054, Fagnano Olona -VA) o fax (0331-612148).

Il completamento dell’iscrizione avviene previo colloquio con il direttore artistico.


MODALITÀ DI ISCRIZIONE

Contattare la segreteria per il modulo di iscrizione e inviarlo alla sede della segreteria tramite:

- e-mail: info@crteducazione.it,

- posta: CRT “Teatro-Educazione c/o Comune di Fagnano Olona - P.zza Cavour 9 - 21054, Fagnano Olona (VA).

- fax: 0331-612148.

CRT “TEATRO-EDUCAZIONE”

P.zza Cavour 9 - 21054, Fagnano Olona (VA)

Tel.: 0331-616550 - Fax: 0331-612148

Mail: info@crteducazione.it






Tutti i diritti riservati © CRT 2004
per informazioni info@crteducazione.it
Segreteria - tel. 0331.616550

Area Riservata